La musica su YouTube non stona mai

12 novembre 2014 - ore 19:02

Non vi siete limitati a guardare il video di All About That Bass più di 200 milioni di volte su YouTube. Avete anche guardato Meghan Trainor cantarla dal vivo per la prima volta ed esibirsi poi con Jimmy Fallon e i Roots. Avete usato la canzone in decine di migliaia dei vostri video, per esempio facendone una cover al contrabbasso. Le vostre visualizzazioni hanno aiutato il brano a rimanere in cima alla classifica Hot 100 di Billboard per settimane. E tutto questo per una sola canzone.

Grazie a voi e alle visualizzazioni, condivisioni, remix, creazioni e parodie delle vostre canzoni preferite, YouTube è diventato il luogo perfetto per mettere in contatto gli artisti con i loro fan. Per dare ancora più risalto alla musica e darvi nuove possibilità, vogliamo rendere ancora più facile trovare nuovi brani e riascoltare i grandi classici su YouTube. Stiamo anche lavorando al lancio di un nuovo servizio su abbonamento che vi permetterà di guardare e ascoltare musica senza annunci, in background o offline.

Una homepage per la musica

Da oggi potete scoprire la nuova homepage dedicata alla musica nell’app YouTube per Android e su YouTube.com (presto anche su iOS). Troverete tutti i vostri video musicali preferiti, le playlist con la musica consigliata in base alle vostre scelte e quelle contenenti la musica di tendenza su YouTube. Potrete ascoltare la playlist perfetta come sottofondo per il vostro umore del momento, che contenga brani per una bella carica mattutina o canzoni del mix di YouTube dei Boyce Avenue. Non perdetevi i nuovi brani dei canali a cui siete iscritti, come FKA twigs o Childish Gambino. Oppure trovate in un attimo le canzoni che non vi stancate di ascoltare a ripetizione.



Album completi con audio di alta qualità, senza occupare tutta la vostra banda

Se esiste una canzone probabilmente la potrete trovare su YouTube, ma fino a oggi non era così facile trovare e ascoltare interi album. A partire dai prossimi giorni sarà possibile vedere la discografia di un artista su YouTube e riprodurre un album intero grazie sia ai video musicali ufficiali che alle canzoni di alta qualità caricate su YouTube dai nostri partner.



È in arrivo il beta di YouTube Music Key

Ci avete chiesto di poter ascoltare la musica senza annunci pubblicitari, di poter continuare a riprodurre i video musicali anche se bloccate lo schermo o iniziate a utilizzare un’altra app, e di poter ascoltare la musica anche senza essere connessi a Internet. Ecco perché siamo lieti di presentarvi il beta di YouTube Music Key, un servizio in abbonamento al prezzo promozionale di 7,99 euro al mese (in promozione rispetto al prezzo di 9,99 euro) che vi offre tutto questo: musica senza annunci publicitari, riproduzione in background e visualizzazione offline. Include anche l’abbonamento a Google Play Music, che offre più di 30 milioni di canzoni e, a partire dai prossimi giorni, la possibilità di guardare molti video musicali ufficiali di YouTube direttamente nell’app.

Grazie ai vostri video, ai vostri remix, alle vostre cover e non solo, YouTube è diventato il più grande servizio musicale del mondo. Per renderlo perfetto per le vostre esigenze abbiamo inizialmente condiviso il beta di YouTube Music Key con i fan musicali più appassionati, per poi renderlo disponibile al resto del mondo. Se vedete un invito nella vostra app o nella posta in arrivo, provatelo gratuitamente per sei mesi.




Se siete interessati a ricevere ulteriori informazioni sul beta, fatecelo sapere all’indirizzo YouTube.com/MusicKey.

Nuovo look per le app di Gmail, Calendar e Google Maps

05 novembre 2014 - ore 18:39

I colori vivaci oggi dettano lo stile e Google Maps non poteva non essere in linea con i trend del momento per aiutare i viaggiatori a spostarsi in modo ancora più semplice. Nei prossimi giorni, accedendo a Google Maps per dispositivi Android o iPhone, potrete ammirare il nuovo look: colori brillanti, superfici e ombre che richiamano il mondo reale; i comandi prendono vita e voi saprete esattamente dove fare touch per ottenere indicazioni, consigli e immagini.



Facendo scorrere con un tocco la scheda informazioni di un luogo o di un esercizio commerciale posta nella parte inferiore dello schermo, vi verranno mostrate foto, recensioni e molto altro. E per i più avventurosi, sempre alla ricerca di luoghi da visitare o di nuove location in cui cenare, nella parte inferiore della mappa è disponibile la sezione Esplora i dintorni.

Nuovo look anche per Gmail che ora sfoggia uno stile più moderno e consente di passare da una mail all’altra in modo ancora più semplice. Come parte del nuovo material design, in fondo a ogni messaggio troverete un’opzione di risposta rapida che vi consentirà di continuare una conversazione in modo ancora più semplice quando siete in viaggio. E se accedete a Gmail dal vostro tablet Android, vedrete che è ancora più agevole passare da un account all’altro e da una cartella all’altra.



Tra le novità più interessanti anche la possibilità per tutti coloro che non hanno Gmail di utilizzare questa interfaccia per accedere alla posta elettronica, semplicemente utilizzando POP/IMAP.

L'aggiornamento dell’app Gmail sarà disponibile per tutti i dispositivi Android 4.0+ nel corso dei prossimi giorni.

Infine, per aiutarvi nella gestione del vostro tempo e dei vostri appuntamenti, abbiamo deciso di aggiornare anche Calendar offrendovi novità come:

Eventi da Gmail: ora i messaggi di posta elettronica possono trasformarsi automaticamente in eventi nel vostro calendario.

Ogni volta che prenotate un volo, acquistate i biglietti per un concerto o fate una prenotazione in un albergo, ricevete una mail con date, orari e altri dettagli importanti. Ma chi ha il tempo (o la pazienza) di copiare e incollare tutto questo nel proprio calendario? Nella nuova app Google Calendar, queste email diventano automaticamente eventi che includono tutti i dettagli di cui avete bisogno ad esempio i numeri di volo e il check-in. Vi terranno anche aggiornati in tempo reale se il volo è in ritardo, o se vi è stato inviato un altro aggiornamento email.

Suggerimenti per risparmiare tempo
Naturalmente, non tutte le informazioni relative ad un evento arrivano nella vostra casella di posta. Spesso dovete essere voi ad inserire i numeri di telefono, gli indirizzi e i partecipanti e dovete raccogliere questi dati da molte fonti diverse aggiungendoli al calendario manualmente. D’ora in avanti l’app Calendar vi suggerirà i titoli, le persone e i luoghi mentre li state digitando e, nel corso del tempo si adatterà alle vostre abitudini. Ad esempio, se andate spesso a correre con Pietro in Parco Sempione, Google Calendar vi suggerirà rapidamente l’intero evento quando digitate “c-o-r-s-a”.
v


Una pianificazione bella da vedere e facile da scorrere
Il calendario è più di un semplice elenco di date e orari, è la vostra vita! Per questo abbiamo progettato una pianificazione che include foto e mappe dei luoghi in cui state per andare, i paesaggi di alcune destinazioni di viaggio e le immagini legate ad eventi di tutti i giorni, come la cena, il cibo o lo sport. Queste immagini vi faranno capire a colpo d'occhio quello che sta per succedere, il che è perfetto per quando controllate l’agenda dal vostro smartphone o tablet.

Il nuovo Google Calendar sarà attivo su tutti i dispositivi Android 4.1+ con un aggiornamento da Play Store nelle prossime settimane ed è già disponibile per i dispositivi con Android 5.0 Lollipop (sì, stiamo anche lavorando su una versione per iPhone!)
Per saperne di più visitate il nostro sito web.

Google, Unioncamere, Fondazione Symbola e Università Ca' Foscari per l'export delle PMI italiane

03 novembre 2014 - ore 11:47

Oggi gli utenti online sono oltre 2,5 miliardi ed entro la fine del decennio si stima che supereranno i 5 miliardi, connessi a Internet tramite dispositivi e schermi diversi. Numerose ricerche hanno dimostrato che le aziende che utilizzano il web per promuovere il proprio business crescono a velocità doppia rispetto a quelle che non sono online.

Export e web per crescere 
Se guardiamo all’Italia, l’ export del nostro Paese è cresciuto del 9% l’anno dal 2010 a oggi, arrivando a generare un valore pari al 30% del PIL (rielaborazione dati Istat). Guardando alle imprese, quelle che hanno commercializzato i propri prodotti online oltre confine sono riuscite a compensare meglio la crisi o addirittura hanno visto crescere il proprio fatturato. Maturità digitale ed export hanno un legame diretto: circa un quarto del fatturato export delle piccole imprese digitalmente avanzate deriva ormai dal web, percentuale che sfiora il 40% per imprese di medie dimensioni (Doxa Digital, Rapporto Internet e Export). Eppure, secondo i dati di Unioncamere, solo il 16% delle imprese manifatturiere fa e-commerce.

Non solo. Il potenziale di crescita per le imprese piccole e medie è dunque enorme. Come approfittarne? Per prima cosa, iniziando a conoscere i mercati in cui si vuole portare il proprio business. Le opportunità di mercato sono innumerevoli e, grazie a Internet, a portata di mano. Tuttavia, ogni paese ha le proprie peculiarità, le sue normative.

Google, Unioncamere, Fondazione Symbola e Università Ca Foscari insieme per l’export delle PMI 
Per questo motivo Google, Unioncamere, Fondazione Symbola e Università Ca’ Foscari hanno unito le forze per arricchire il progetto Made in Italy: eccellenze in digitale, rendendo disponibile un nuovo percorso, con strumenti gratuiti, per aiutare le imprese a fare export in maniera più semplice.

Su www.eccellenzeindigitale.it/export è disponibile una nuova sezione tutta dedicata ad aiutare le imprese piccole e medie a realizzare una strategia di internazionalizzazione. Inserendo poche informazioni sarà possibile ricevere un piano con consigli utili per iniziare a muovere i primi passi. Google Trends, Global Market Finder, Consumer Barometer e Translate sono solo alcuni degli strumenti che le aziende potranno utilizzare per avviare la propria attività anche all’estero.

Non solo, le imprese interessate potranno seguire nuove pillole formative realizzate da imprenditori che hanno già iniziato ad utilizzare il web come leva distintiva per promuoversi in nuovi Paesi - come nel caso di Pastificio dei Campi - e capire cosi come avviare o rafforzare la propria strategia di internazionalizzazione.

All’interno della sezione viene integrato anche lo strumento realizzato da Unioncamere e presente su WorldPass, il portale del sistema camerale che orienta le imprese che intendono affrontare la sfida dei mercati esteri. Si tratta del percorso Selfservice, supporto indispensabile alle imprese per districarsi in tutte le principali formalità necessarie per esportare. Selfservice è anche una guida per l'uso di una serie di strumenti messi a disposizione da diverse istituzioni per facilitare l'apprendimento e la soluzione delle problematiche connesse alle operazioni con l'estero.

I nuovi strumenti saranno inoltre a disposizione dei 104 giovani digitalizzatori, formati da Google e Unioncamere, attivi nelle 51 camere di commercio in tutta Italia per avvicinare le imprese al web.

Arriva il Publisher Center di Google News

28 ottobre 2014 - ore 11:11

I siti degli editori cambiano e si evolvono nel tempo, per questo Google News ha creato il Google News Publisher Center attraverso cui gli editori possono segnalare i cambiamenti nel momento stesso in cui li effettuano.

Grazie al Publisher Center, il contenuto del sito può risultare meglio classificato e quindi essere trovato con più facilità. Gli editori possono effettuare direttamente le seguenti modifiche: 
  • Aggiornare i dettagli di un sito di informazione, come cambiare il nome del sito e attribuire alla pubblicazione le etichette di ‘fonte’ rilevanti (es. “Blog”, “Satire” o “Opinion”) 
  • Aggiornare le URL delle sezioni ogni volta che viene modificata la struttura del sito (per es. quando viene aggiunta una nuova sezione come http://example.com/2014commonwealthgames o http://example.com/elections2014) 
  • Etichettare le sezioni con un argomento specifico (es. “Technology” o “Politics”)

Potete trovare qui ulteriori informazioni su come usare il Publisher Center.

Nel corso dei prossimi mesi aggiungeremo nuove funzionalità, nel frattempo ci farebbe piacere sapere da voi cosa funziona bene e cosa meno. Il nostro obiettivo è quello di renderla una piattaforma sulla quale gli editori e Google News possano collaborare per offrire ai lettori le notizie migliori e più diversificate presenti sul web.

Il catalogo dell'Arca del Gusto approda sul Google Cultural Institute

27 ottobre 2014 - ore 11:34

Abbiamo creato il Google Cultural Institute con l’obiettivo di conservare e rendere accessibile a chiunque il patrimonio culturale dell’umanità, online. In soli quattro anni oltre 500 partner in 60 Paesi hanno sposato questa missione, rendendo disponibili milioni di documenti storici e migliaia di opere d’arte che oggi popolano un numero sempre crescente di mostre digitali.

Il cibo è senza dubbio uno degli esempi più affascinanti di patrimonio culturale, somma di ambiente e tradizioni spesso secolari. Oggi parte di questo patrimonio rischia di scomparire ed è per questo che la Fondazione Slow Food per le Biodiversità ha creato il Catalogo dell’Arca del Gusto.

Quando abbiamo incontrato Slowfood e siamo venuti a conoscenza del loro impegno a difesa della biodiversità alimentari si è resa evidente l’opportunità di impiegare la nostra tecnologia a sostegno del progetto. Oggi siamo felici di annunciarvi che il Catalogo dell’Arca del Gusto approda ora anche sul Google Cultural Institute con 31 mostre digitali inedite.



Cercando “Slow Food” su www.google.com/culturalinstitute arriverete alla pagina della Fondazione. Da qui in un attimo potrete immergervi nei percorsi espositivi proposti dalla Fondazione: dalle ostriche naturali della Bretagna al sale nero di Boke. Ciascuna delle mostre digitali realizzate da Slow Food vi guiderà in un racconto fatto di foto, video e testimonianze fondamentali per comprendere la cultura che ogni prodotto della terra porta con sè.


Questo progetto è solo l’inizio di una collaborazione che ci auguriamo possa contribuire a proteggere e tutelare il patrimonio di biodiversità alimentari a rischio sfruttando la nostra tecnologia. Un gustoso viaggio cultuale aperto a tutti voi su www.google.com/culturalinstitute.

Lo YouTube Golden Play Button Award a Favij

25 ottobre 2014 - ore 13:11

Più di un milione di iscritti al proprio canale YouTube è un traguardo che merita di essere ricordato.

E’ per questo che, in occasione di Games Week 2014, siamo felici di premiare Favij e tutta la community dei fan di FavijTV con il Golden Play Button - l’award di YouTube che celebra i canali che superano il milione di iscritti. Si tratta del primo riconoscimento assegnato ad un canale di gaming in Italia.



L’avventura di Lorenzo Ostuni con il suo canale FavijTV è iniziata poco meno di due anni fa, eppure la sua passione per i video giochi è nata prestissimo e già a 16 anni sceglie di iniziare a condividere questa passione su YouTube sul canale The Sharing Games.

Da allora Lorenzo non si è più fermato: sono più di 420 i video caricati su FavijTV e oltre 280 milioni le visualizzazioni: si tratta di più di 26 milioni ore di video guardate da fan e appassionati. Soprattutto, la community di fan che segue il suo canale, video dopo video, è cresciuta in maniera esponenziale superando 1.245.000 iscritti.

Lorenzo riceve il Golden Play Button e ringrazia la community di FavijTV per l'affetto e la passione dimostrati in questi anni

Go Favij!

Se siete anche voi appassionati di video giochi e siete interessati a scoprire come utilizzare YouTube per far crescere il vostro canale compilate questo form, vi terremo aggiornati sui nuovi workshop in programma anche in Italia!


L’inbox che lavora per te

23 ottobre 2014 - ore 10:00

L'ultima novità si chiama Inbox. Realizzato dal team di Gmail e frutto di anni di lavoro, Inbox è, però, completamente diverso da Gmail: è una casella di posta pensata per dare attenzione alle cose davvero importanti.

Inizialmente, le email erano un modo semplice per inviare appunti digitali ai colleghi in ufficio. Ma a 30 anni di distanza dalla loro invenzione, e con il semplice utilizzo del vostro smartphone, adesso potete scrivere virtualmente a chiunque, in ogni angolo del mondo… dal vostro migliore amico al proprietario di quella pasticceria che avete scoperto settimana scorsa.

Con un’evoluzione di tale portata, affrontiamo sfide altrettanto nuove: riceviamo sempre più email, le informazioni chiave si perdono tra centinaia di messaggi e i nostri impegni più importanti possono sfuggirci di mente, specialmente quando lavoriamo dal nostro smartphone. Per molti di noi, gestire le email che riceviamo è diventato un compito che ci distrae, invece di aiutarci.

Se questa situazione vi suona familiare, allora Inbox fa per voi. Ecco alcuni esempi di come Inbox potrà mettersi al vostro servizio:


I gruppi di messaggi vi aiutano a organizzarvi
Inbox si basa e migliora la funzionalità delle categorie che abbiamo introdotto l’anno scorso in Gmail, rendendo semplice gestire le email simili insieme. Per esempio, tutte le ricevute o gli estratti conto della banca vengono raggruppati, per controllarli e poi archiviarli facilmente. Potete persino insegnare a Inbox ad adattarsi al vostro stile di lavoro, scegliendo quali email vorreste vedere raccolte in un unico gruppo.

Le informazioni più importanti: sempre in evidenza
Inbox mette in evidenza le informazioni chiave dei messaggi più importanti, come itinerari di volo, dettagli di un evento e foto e documenti inviati da amici e familiari, arrivando a mostrarvi informazioni utili e aggiornate, anche se non contenute nelle email, come lo status del vostro volo in tempo reale o i tempi di consegna di un prodotto che avete ordinato. I gruppi e gli elementi in evidenza lavorano in sinergia per mettere in rilievo solo le informazioni che vi servono davvero.


Tutto alle vostre condizioni (e con i vostri tempi) con i promemoria e la funzione posticipa
Inbox vi rende facile concentrarvi sulle priorità, facendovi aggiungere qualsiasi promemoria, dal passare in lavanderia al ricordarvi di chiamare i vostri genitori. La casella di posta diventa il luogo in cui tenere traccia delle cose da fare, di qualsiasi cosa si tratti.


Inbox vi dà anche suggerimenti utili per aiutarvi a sfoltire più velocemente le vostre liste di cose da fare. Per esempio: se scrivete un promemoria per ricordarvi di chiamare il ferramenta, Inbox mostrerà il numero di telefono del negozio e gli orari di apertura. Anche questi suggerimenti funzionano in sinergia con le email che ricevete. Se prenotate un ristorante online, Inbox aggiunge una mappa alla email di conferma della prenotazione. Acquistate un volo online, e Inbox vi darà un link per fare il check-in, sempre online.

Ovviamente non dovete fare tutto subito. Se il momento non è adatto o se dovete concentrarvi su qualcos’altro, Inbox vi permette di posticipare email e promemoria. Potete impostarli in modo da ricevere una notifica in un altro momento o quando arrivate in un luogo specifico, come a casa o in ufficio.

Provate Inbox
Oggi iniziamo a inviare i primi inviti per provare Inbox, e ogni nuovo utente potrà invitare altri amici. Siete impazienti? Potete scriverci a inbox@google.com per ricevere un invito appena ne saranno resi disponibili di nuovi.

Quando inizierete a utilizzare Inbox, vi sembrerà che il design e le funzionalità siano diversi rispetto a Gmail, e lo sono. Gmail sarà sempre qui per voi, ma Inbox è un modo nuovo e migliore per aiutarvi a concentrarvi sulle cose più importanti. E non vediamo l’ora di condividere questa novità con voi.

Al via due nuovi bandi di borse di studio

20 ottobre 2014 - ore 10:14

Siamo felici di annunciarvi che sono aperti i bandi 2015 per la borsa di studio Anita Borg Memorial e per la borsa di studio europea Google rivolta agli studenti con disabilità.

Dedicata alla Dottoressa Anita Borg, che ha lavorato tutta la vita per incentivare la presenza femminile in ambito informatico, l’omonima borsa di studio è rivolta a tutte le studentesse che frequenteranno un’università in Europa, Medio Oriente o Africa nel corso dell’anno accademico 2015-2016.

Per partecipare le candidate devono essere iscritte a programmi di formazione di tipo informatico, ingegneristico o strettamente legati a materie tecniche, oltre ad avere un ottimo rendimento scolastico. Ciascuna delle destinatarie riceverà in premio la somma di € 7,000 (o equivalente) per sostenere i costi per l’anno accademico 2015-2016. Inoltre, in qualità di borsiste Anita Borg, avranno accesso ad un programma di sviluppo che prevede una serie di incontri dedicati a partire dal ritiro che si terrà a Zurigo.

Il termine ultimo per candidarsi è lunedì 2 febbraio 2015 alle ore 18.00, maggiori informazioni disponibili qui.

La borsa di studio europea Google rivolta agli studenti con disabilità è invece frutto della collaborazione tra Google e EmployAbility, un’associazione nata per assistere studenti dislessici o disabili nel passaggio dal mondo accademico a quello lavorativo, questa borsa di studio mette in palio la somma di € 7,000 da impiegare in Europa per sostenere le spese per l’anno accademico 2015-2016.

Le domande sono ora aperte e il termine ultimo per applicare sarà giovedì 1 gennaio 2015 alle ore 18.00, maggiori informazioni qui.

EmployAbility è inoltre raggiungibile all’indirizzo: googlescholarship@employ-ability.org.uk.

Attendiamo le vostre domande, in bocca al lupo!

Ragazze che hanno i numeri per cambiare il mondo

16 ottobre 2014 - ore 18:04

Nel mondo della tecnologia ci sono meno donne che uomini; nelle università, ci sono meno ragazze che si avvicinano agli studi tecnico-scientifici rispetto ai ragazzi. E’ un dato di fatto e non riguarda solo l’Italia. E’ un dato di fatto che però vogliamo contribuire a cambiare.


Ne abbiamo parlato con Beppe Severgnini e Yonca Brunini, Vice President Marketing di Google al Tempo delle donne il 28 settembre, ma siamo anche passati all’azione. Ecco perché abbiamo deciso di collaborare con il Corriere della Sera e finanziare, con una donazione di 25.000 Euro, 10 borse di studio dedicate a ragazze che desiderano intraprendere studi universitari di Informatica, Matematica, Ingegneria e Fisica.

Da oggi, le ‘ragazze che hanno i numeri per cambiare il mondo’ potranno cominciare a presentare qui le loro candidature.

Partecipate numerose!!!

Android: insieme facciamo la differenza

15 ottobre 2014 - ore 18:28

Le cose più belle nascono dalla collaborazione. Qualche anno fa, ci siamo messi in testa che i telefoni (e altri dispositivi che non erano ancora stati inventati come i tablet e gli smart watch) sarebbero stati molto più interessanti se tutti avessero potuto contribuire alla loro creazione. Ecco perché abbiamo inventato Android: una piattaforma aperta, a disposizione di chiunque voglia immaginare, inventare, fare o comprare qualsiasi cosa.

Da allora singole persone, aziende grandi e piccole, siti di crowdfunding come Kickstarter, studenti e sviluppatori geniali si sono lanciati ad innovare: rapidamente, insieme e più di quanto non avremmo potuto fare da soli. E ogni volta che qualcuno decide di partecipare, il tutto diventa ancora più interessante e sorprendente.



Aprire le porte a tutti è la stessa filosofia con cui abbiamo lanciato Android One in India (presto anche in altri paesi) per rendere disponibili smartphone di alta qualità ai miliardi di persone al mondo che ancora non hanno accesso a Internet. Ed è sempre per questo motivo che siamo entusiasti all’idea di lanciare Lollipop, la nostra nuova release, progettata per rispondere alle esigenze dei miliardi di persone che stanno già usando Android.

Il nuovo arrivato: Android 5.0 Lollipop 
Come anticipato alla conferenza Google I/O, Lollipop è la nostra più grande e ambiziosa release di Android, con oltre 5000 nuove API per sviluppatori. Lollipop è pensata per essere flessibile, per funzionare su tutti i dispositivi e per adattarsi alle diverse esigenze di ognuno di voi. E, come sempre, è progettata per essere condivisa.

 

Lollipop è fatta per un mondo in cui vi trovate a interagire con diversi schermi - telefoni, tablet, TV - in diversi momenti della giornata. Con sempre più interazioni tra dispositivi, vi aspettate che le cose funzionino. Lollipop rende ancora più semplice riprendere su uno qualsiasi dei vostri dispositivi Android un lavoro, un gioco o l’ascolto di un brano lasciato a metà su un altro dispositivo Android.

Passare da uno schermo all’altro non dovrebbe creare problemi. Ecco perché Lollipop è pensato per adattarsi a tutti i dispositivi: un approccio che chiamiamo Material Design. Ora i contenuti rispondono più intuitivamente al tocco, o alla voce, e la navigazione è più fluida.

Lollipop vi permette anche un maggiore controllo sui vostri dispositivi. Quando siete a cena o durante una riunione importante, potete modificare le impostazioni per ricevere messaggi o notifiche solo da alcune persone. E quando vi arriva una notifica importante, potete visualizzarla direttamente sulla schermata di blocco.

Poiché utilizziamo sempre di più i nostri dispositivi, abbiamo sviluppato una nuova funzionalità di risparmio della batteria che estende la sua durata fino a 90 minuti in più: fondamentale se non avete una presa elettrica a portata di mano. Abbiamo sviluppato la possibilità di avere account multiutente e accesso in modalità ospite, per garantirvi il massimo della privacy. E ora potete anche mettere in sicurezza il vostro dispositivo con PIN, password, sequenza di blocco o associando il vostro smartphone a un dispositivo attendibile come il vostro orologio o l’auto tramite Smart Lock. Ma questo è solo un assaggio di Lollipop. Scoprite di più su android.com.

Vi presentiamo i nuovi Nexus, con release Lollipop
Nel campo dell’IT, i progressi avvengono nello spazio in cui hardware e software interagiscono. Ecco perché abbiamo sempre lanciato dispositivi Nexus affiancandoli a nuove release. Invece di progettare il software in astratto, collaboriamo con partner produttori di hardware per progettare dispositivi Nexus capaci di andare oltre. I dispositivi Nexus sono inoltre considerati un punto di riferimento nel settore perché vengono sviluppati sulle nostre release più aggiornate. E per Lollipop, abbiamo una serie di nuovi Nexus da condividere con voi.



Con Motorola, abbiamo sviluppato il Nexus 6. Questo nuovo smartphone ha una struttura in alluminio sagomato, un display Quad HD da 6’’ e una fotocamera da 13 megapixel. All’ampio schermo sono affiancati due altoparlanti stereo anteriori che diffondono un suono di alta qualità, rendendo il Nexus 6 perfetto per guardare film, giocare ma anche per lavorare. Il Turbo Charger in soli 15 minuti fornisce una ricarica che dura fino a 6 ore.

Con HTC, abbiamo sviluppato il nuovo Nexus 9, un tablet con struttura in metallo spazzolato e schermo da 8,9’’: abbastanza piccolo da stare in una mano, ma abbastanza grande da poterci lavorare. E visto che sempre più persone vogliono lavorare sul tablet con la stessa facilità con cui lo usano per altri motivi, abbiamo progettato la tastiera Folio, che si aggancia magneticamente al Nexus 9, è utilizzabile in due diverse angolazioni e permette di utilizzare il Nexus come fosse un laptop.

Il Nexus 9 è disponibile per la prenotazione dal 17 ottobre e nei negozi dal 3 novembre. Il Nexus 6 sarà disponibile per la prenotazione dal 29 ottobre e nei negozi da novembre, con la possibilità di acquistare una versione sbloccata, un contratto mensile o pagamento a rate con operatori di telefonia mobile. Visitate il sito google.com/nexus per maggiori informazioni. Android 5.0 Lollipop, installato sui Nexus 6 e Nexus 9, sarà disponibile anche per i Nexus 4, 5, 7 e 10 nelle settimane successive al lancio.

E questo è solo l’inizio 
Per il lancio della release Android Lollipop, siamo felici di poter continuare a lavorare con la nostra community di sviluppatori, partner produttori di hardware e con tutti i nostri utenti. Servono più idee e più creativi per arrivare rapidamente a soluzioni e idee migliori. E siccome siete tutti invitati a partecipare, speriamo vi divertirete creando e condividendo un personaggio Android che racchiuda l’essenza della vostra personalità. Buon divertimento!